Paolo Rossi

Paolo Rossi  nasce a Prato, il 23 settembre 1956.

Di ruolo attaccante, si laurea Campione del mondo con la nazionale italiana nel 1982.

Soprannominato Pablito, al Mondiale 1982, oltre a vincerlo, si aggiudicò anche il titolo di capocannoniere. Nello stesso anno vinse anche il Pallone d’oro- Insieme a Roberto Baggio e Christian Vieri detiene il record italiano di marcature nei Mondiali a quota 9 gol, ed è stato il primo giocatore (l’unico altro è Ronaldo) ad aver vinto nello stesso anno il Mondiale, il titolo di capocannoniere di quest’ultima competizione e il Pallone d’oro.

Importante per la carriera di Rossi fu anche il commissario tecnico dell’Italia, Enzo Bearzot, il tecnico che lo confermò tra i convocati per il campionato del mondo 1978.

Caratteristiche tecniche

Rossi era un attaccante veloce, molto abile negli spazi stretti dell’area di rigore, dove poteva sfruttare le sue doti di tempismo e opportunismo.

Paolo Rossi e la Nazionale

Rossi debuttò in nazionale maggiore il 21 dicembre 1977, ventunenne. “ Vestire per la prima volta la maglia azzurra è stata una grandissima soddisfazione. Ricordo che quando è partito l’inno di Mameli mi sono sentito investito da una serie di responsabilità, prima fra tutte quella di rappresentare l’Italia intera». 

Bearzot lo convocò anche per il vittorioso campionato del mondo 1982. Pablito, fu il soprannome datogli ai tempi della rassegna argentina. Rossi sembrò essere inefficace nella prima fase, che l’Italia superò ottenendo tre pareggi. Nella partita vinta 3-2 contro il Brasile, decisiva per la qualificazione alla semifinale, Rossi si sbloccò realizzando una tripletta.

La sfida fu ricordata così da Rossi: «Il primo gol al Brasile, lo ricordo come il più bello della mia vita. Non ho avuto il tempo di pensare a nulla: ho sentito come un senso di liberazione.. In semifinale realizzò le 2 reti che stesero la Polonia. Infine, l’11 luglio 1982 realizzò la prima rete della finale vinta 3-1 contro la Germania Ovest: «Eravamo campioni del mondo. Feci solo mezzo giro di campo coi compagni: ero distrutto. Mi sedetti su un tabellone a guardare la folla entusiasta e mi emozionai

Paolo Rossi e la solidarietà.

Rossi, dopo aver concluso l’attività calcistica, ha contribuito molto all’impegno sociale, protagonista in veste di testimonial in più contesti benefici.

Il Club Italia Master

‘Pablito’ fonda il Club Italia, una vera e propria nazionale master di calcio, di cui è attualmente Presidente. Il Club Italia Master scende in campo per beneficenza, in occasione di ricorrenze particolari o a favore di Associazioni benefiche che operano sul territorio nazionale e nel mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *